La mattina ha fatto una “rivoluzione” per cercare di salvare il fatturato: “Colazioni salate a base di prosciutti, altri salumi e formaggi”. È presto per capire se si tratti di una mossa vincente, quella di Massimo Pisu, 54 anni, titolare di una taperia e di una prosciutteria a Quartucciu. I problemi arrivano al calar del sole: “Dalle diciotto non posso più servire ai tavoli. Prima del nuovo decreto di Conte avevo inaugurato il dehors con sette tavoli e sedie, l’ho pagato diecimila euro. La sera non posso più utilizzarlo. Dopo il primo lockdown”, afferma il ristoratore, “ho avuto dal Governo solo seicento euro. Adesso, con il nuovo ristoro, dovrei prenderne circa 1000. Troppo pochi, ci pago a malapena una bolletta della luce”. Pisu ha pubblicato sul suo profilo Facebook una foto della sala interna della sua prosciutteria, deserta: “Quanto è triste vedere i propri sacrifici al buio, ma voglio resistere e combattere”.

Intanto, però, il piatto “piange”: “Ho dovuto mandare a casa due bravi ragazzi che lavoravano nella taperia, è praticamente ferma. La gente non mangia e non beve prodotti di gastronomia spagnola, birre e vini prima delle diciotto. Non è giusto e danneggia tutti noi commercianti lo stop sino al tre dicembre prossimo: nei miei locali non c’è mai stato un solo contagio Covid, sono stato attento a tutte le direttive del Governo, investendo nella sanificazione del locale e delle merci e tagliando sugli spazi. Non sono abituato a piangermi addosso, cercherò di andare avanti e trovare soluzioni alternative”.

L'articolo Quartucciu, “tavoli e dehor pagati 10mila euro, inutilizzabili dalle 18: troppo pochi mille euro dal Governo” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.