Vanno avanti a ritmo serrato i lavori in via dell’Autonomia Regionale a Quartu. La strada della morte sta cambiando volto, tra marciapiedi e tre rotatorie il piano del Comune per smettere, una volta per tutte, di piangere morti, sta procedendo. “Nessuna criticità”, annuncia a Casteddu Online, con soddisfazione, l’assessore comunale dei Lavori Pubblici, Antonio Conti. Gli addetti ai controlli gli hanno comunicato che i tempi, sinora, sono pienamente rispettati: “Entro giugno termineremo il primo lotto, quello dei marciapiedi”. Chi dovrà raggiungere la zona del mare, a Flumini, a piedi, potrà farlo per la prima volta in totale sicurezza. “Il secondo lotto, quello delle rotatorie, partirà subito dopo. Per intenderci, si parla di tutta l’area che arriva sino alla rotonda del mercatino”. In arrivo, quindi, mesi “di fuoco”, in tutti i sensi. In estate la lunga strada è battuta da migliaia di automobili, ogni giorno, visto che rappresenta il modo più rapido per uscire dal centro di Quartu e raggiungere anche le zone di Capitana e di Terra Mala: “Sì, ci sarà qualche disagio”, ammette Conti. “Ma quella che sta per partire sarà l’ultima estate così, dall’anno prossimo ci sarà più sicurezza”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.