A Quartu è il momento del taglio del nastro del primo centro del riuso. A partire da mercoledì 4 maggio, ogni mercoledì e sabato dalle dieci alle sedici i quartesi potranno raggiungere la struttura di Sa Serrixedda, in via Marconi 511, gestita dalla De Vizia, per disfarsi di abiti, accessori di abbigliamento e biancheria per la casa, articoli e accessori per l’infanzia, attrezzi per lavori domestici, giardinaggio e bricolage, attrezzature sportive,  giochi e oggetti per lo svago, oggetti e suppellettili per la casa, stoviglie e casalinghi e mobili. Attenzione, però. Come si legge infatti nell’ordinanza firmata dal dirigente del settore Ambiente, Giulio Barca, tutti gli oggetti dovranno essere “in buono stato e funzionanti” e, “al momento del conferimento, puliti ed in buono stato d’uso”. Obbiettivo? Tagliare la produzione di rifiuti e dare la possibilità di rifiuti. Chi vuole, ovviamente, potrà raggiungere il centro del riuso e prendere gli oggetti, usati, lasciati dagli altri cittadini. Tutta la struttura sarà gestita dalla stessa società che si è aggiudicata il bando per la gestione dei rifiuti nella terza città della Sardegna. Chiunque vorrà portarsi via un abito o un attrezzo lasciato da altri dovrà firmare un foglio, per iscriversi, e potrà farlo “nei soli orari di apertura” e solo se sarà iscritta alla Tari e abbia, tra le mani, o l’Ecocard o la tessera sanitaria.

Fonte: Casteddu on line

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.