Flumini di Quartu – Strade dissestate, pressoché impraticabili, e residenti sul piede di guerra. Gli abitanti di via Mulinu Coccu: “Abbiamo formato un comitato, domani ci sarà un incontro. Speriamo che la nostra voce venga ascoltata”.Non semplici pozzanghere quelle che si formano ad ogni acquazzone ma “voragini” che rendono anche pericolose le arterie sia per chi le percorre a piedi che in macchina. Un problema che va avanti da anni, un quartiere che sembra essere di nessuno ma che è abitato da decine di famiglie che, ogni giorno, devono fare i conti con numerose problematiche. Le segnalazioni si sussoguono nel tempo, tante le richieste effettuate alle istituzioni ma, sinora, nessuna risposta concreta: “Niente è cambiato – spiega Lorena – noi residenti della via Mulinu Coccu abbiamo abbassato i dossi perché ci stavamo sfasciando le auto, ho rotto anche un cuscinetto e la macchina è nuova, comprata solo pochi mesi fa. Abbiamo formato una sorta di comitato, noi residenti della via, e domani alle 16 abbiamo una riunione presso la polisportiva di Marina Residence e speriamo che partecipino anche le istituzioni”.I problemi sono quelli denunciati più volte, tra l’altro “mio figlio ha sempre problemi con lo scuolabus. La fermata è situata nella strada principale ma il problema è arrivarci, ha già collezionato numerose assenze”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.