Quartu Sant’Elena – “Salvate la polisportiva San Francesco, contava 500 iscritti”.A Radio CASTEDDU, la segnalazione di Alexandro, 50 anni, commerciante locale: “È un’area sportiva che ho frequentato per 4 anni e aveva 500 ragazzi iscritti, dai pulcini ai giovanissimi. Era una struttura conosciuta a livello regionale situata in via San Francesco e si parla della San Francesco polisportiva.L’ultimo presidente non aveva potuto pagare alcuni debiti di cui si sono impossessati il tribunale attraverso una curatrice fallimentare  e questo è stato la causa di tutto il degrado che è seguito. La struttura è chiusa da due anni e mezzo  e la usavamo come punto di riferimento per lo sport quartese e provinciale perché arrivavano ragazzi da tutta la provincia di Cagliari.Qui a Quartu non abbiamo una struttura dove possiamo far iscrivere i nostri ragazzi perché abbiamo dei campi  fatiscenti e il Comune, secondo me, poteva interagire con la curatrice fallimentare e, ancora oggi, dovrebbe avere tutte le carte in regole per poter interagire e forse risolvere la situazione”.Risentite qui l’intervista di Paolo Rapeanu e Gigi Garau https://www.facebook.com/castedduonline/videos/767282817512146/ e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.