In viale Marconi e via Fiume a Quartu Sant’Elena arrivano gli attraversamenti rialzati e illuminati. Nella strada teatro di tanti incidenti gli operai entreranno in azione entro fine anno. E in via Fiume, la “strada della morte” con due vittime in due anni, (Davide Toro, travolto da un furgone a marzo 2019, proprio oggi il guidatore è stato condannato a un anno e 4 mesi con la condizionale, e Elisabetta Serra, investita da un’auto e morta dopo sei giorni di agonia all’ospedale) arriva la stretta del Comune. Ad annunciarla, rispondendo ad un’interrogazione del consigliere Michele Pisano (FdI), è l’assessora comunale alla Viabilità Barbara Manca: “Realizzeremo due attraversamenti rialzati in viale Marconi e via della Musica e in diversi punti di via Fiume, ognuno costa 16500 euro”, spiega la Manca. “Via Fiume, in particolare è una strada molto lunga, un rettilineo che invita a correre troppo”, riconosce ancora l’esponente della Giunta Milia.
Non solo “dossi”, però, all’orizzonte: “Abbiamo richiesto alla prefettura di Cagliari di conoscere alcuni tratti di strada dove si possono apporre rilevamenti di velocità da remoto”, cioè degli autovelox, in via Fiume che possono essere controllati, in tempo reale, da una centrale operativa: “Siamo in attesa di riscontri, intanto interverremo con altri misure per ridurre la velocità”. Interventi identici, cioè gli attraversamenti rialzati e illuminati, in arrivo anche di fronte alla clinica Korian, in via Parini e via Is Arenas.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.