Se n’è andato a cinquantotto anni, morto di Covid, al Binaghi. Si chiamava Fabio Melis una delle ultime vittime del Coronavirus a Quartu. In città non si registravano morti per Covid già da un pò di tempo, e dai vertici dell’amministrazione comunale, dopo aver ricevuto gli ultimi aggiornamenti dell’Ats, hanno detto che “aveva rifiutato il vaccino”, un particolare confermato anche dai familiari. L’uomo lascia quattro figli. Una di loro spiega che “papà non aveva altre patologie, è stato ricoverato all’ospedale il ventisei dicembre”. Negli anni aveva lavorato, sempre a Quartu, “alla De Vizia, poi anche come giardiniere”. Ultimamente non stava lavorando. Fabio Melis è morto ieri, dopo dodici giorni di ricovero in uno dei due Covid hospital del capoluogo sardo. La notizia della sua scomparsa per colpa del virus ha iniziato a circolare in città già da ieri: Melis, anche per i suoi trascorsi lavorativi, era conosciuto da diversi consiglieri comunali. Un altro parente di Melis precisa che “Fabio non aveva ancora fatto il vaccino”.L’ultimo saluto al 58enne è stato già fissato: il funerale sarà domani, sabato otto gennaio, alle 15, nella chiesa quartese di Sant’Antonio.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.