Quattro monumenti simbolo della città e due itinerari per entrare a contatto con la sua storia e il suo paesaggio. Quartu è pronta ad aprire le porte della città a visitatori, turisti e curiosi che nel prossimo fine settimana, insieme agli stessi quartesi vogliosi di riscoprire la propria città, parteciperanno alla nuova edizione di Monumenti Aperti. Due siti in centro città e altri due sul litorale, un bilanciamento perfetto per un poker di monumenti che ripercorrono la storia di Quartu, dal periodo nuragico all’era moderna: Sa Dom’e Farra, l’Ex Monte Granatico, il Nuraghe Diana e la Villa Romana. E poi gli itinerari, tra i fortini della Seconda Guerra Mondiale e al Parco di Molentargius, con escursioni a piedi e in trenino. Cultura e turismo che diventano realtà anche grazie alla partecipazione di tantissimi volontari, studenti e associazioni. Al Nuraghe Diana, in Località Baia Azzurra – Is Mortorius, sarà possibile partecipare alle visite guidate a cura dell’archeologa Patrizia Zuncheddu con la partecipazione dell’Istituto Tecnico Commerciale e Industriale Levi. Alla Villa Romana (località Sant’Andrea) le visite guidate saranno invece garantire dell’Associazione Cittadinanza Attiva Oikos. Si occuperanno della storica dimora di Sa Dom’e Farra,  in via Umberto 1, i ragazzi della scuola media di via Turati, facenti capo all’Istituto Comprensivo N. 1, con la collaborazione delle associazioni Città di Quarto 1928, Nodas, Boxis Campidanesas e Femminas, mentre nell’edificio Ex Monte Granatico di via XX Settembre 20 l’accoglienza sarà a cura dell’Istituto comprensivo N. 2, con la collaborazione dell’Associazione Incontri Musicali. Sul lato sinistro della parte alta di via Pitz’e Serra, nei campi tra le scuole Brotzu, Levi, Giua e il lago artificiale, si trovano i fortini del Simbirizzi, risalenti alla Seconda Guerra Mondiale; nei siti evidenziati nello stradario sono in programma visite guidate a cura dell’Associazione A.S.S. Fort e del Comitato di Quartiere Margine Rosso, ma i visitatori potranno recarsi a propria discrezione anche nei fortini non presidiati. Trovandosi al centro di un sistema integrato di parchi, il territorio di Quartu è ricco di attrattive ambientali e naturalistiche: gli itinerari al Parco di Molentargius prevedono escursioni a piedi verso il Bellarosa Maggiore e verso l’Ecosistema filtro per assistere all’inanellamento dell’avifauna di passo, ma anche in trenino elettrico per visitare la Spiaggia Fossile. I monumenti saranno visitabili gratuitamente, sabato 28 dalle 16.00 alle 20.00 e domenica 29 dalle 09.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00. Per la visita ai siti si consigliano abbigliamento e scarpe comode. Le visite alle chiese saranno sospese durante le funzioni religiose. Dal primo maggio 2022 nei luoghi della cultura e dello spettacolo non è più necessario esibire il green pass. L’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie non è più obbligatorio, ma nei luoghi al chiuso si suggerisce comunque di indossare la mascherina almeno di tipo chirurgica.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.