Orfani, senza più la mamma uccisa dal papà o viceversa, o addirittura senza nessuno dei due genitori. E bisognosi, quindi, di poter avere l’occasione di vivere un’esistenza migliore, aiutati e supportati. Si chiamano “orfani speciali”, bimbi e bimbe che hanno perso uno o entrambi i genitori a causa di crimini domestici. Il Comune di Quartu scende in campo, con l’assessore delle Politiche Sociali, Marco Camboni, per aiutarli. È stata firmata l’adesione al progetto “A braccia aperte”, finanziato internamente dalla Fondazione per il Sud. I piccoli saranno seguiti passo passo da vari esperti e potranno ambire, anche, ad avere una nuova famiglia: “Non sempre un bambino che rimane senza un papà o una mamma, uccisi, ha altri parenti che possano prendersi cura di lui. E allora finiscono in case famiglia, dove non c’è un’attenzione strutturata”, spiega l’assessore Camboni. “Con l’adesione al progetto ‘Respiro’, i bambini e le bambine saranno seguiti da psicologi, psicoterapeuti, educatori e formatori, sino alla maggiore età”. E, in parallelo, ci sarà la possibilità “di strutturare percorsi individuali di crescita e prevedere affidi o adozioni. Siamo a disposizione e pronti a fare la nostra parte”, prosegue Camboni. A breve, inoltre, sarà anche possibile avere un quadro della situazione in città, cioè sapere quanti sono i bimbi e le bimbe rimasti orfani di vittime di crimini domestici: “Potranno avere una vita migliore, faremo di tutto per aiutarli”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.