L’estate è un lontano ricordo, i vacanzieri non ci sono più e le villette della zona di Geremeas, sul litorale di Quartu Sant’Elena, sono quasi tutte disabitate. Pochi i residenti che vivono nel dedalo di stradine ai bordi della Provinciale 17 tutto l’anno, e i ladri ne approfittano per rubare dalle automobili parcheggiate in via Antares. A denunciare il fatto è un frequentatore della zona, Alberto A., che a Casteddu Online e Radio Casteddu ha raccontato delle numerose “spaccate” compiute dai malviventi: “In via Antares aprire auto parcheggiate è la normalità da anni. Mai un sopralluogo dei carabinieri”, spiega il giovane. “L’ultima auto è stata ‘visitata’ dai malviventi mercoledì scorso, da quando il villaggio si è svuotato e i parcheggi non sono più a pagamento sono sparite anche le guardie. Ho notato una coppia di giovani scappare a gambe levate, otto giorni fa. Un altro residente mi ha invece detto di aver notato un uomo salire in tutta fretta, circa un mese fa, a bordo di un’automobile”. Le foto parlano da sole, sull’asfalto sono ancora visibili i resti dei cristalli dei finestrini finiti in frantumi. Una situazione di pericolo destinata a durare sino alla prossima estate.
“Ho contattato i carabinieri, a breve spero di potermi recare di persona in caserma per sporgere denuncia. Il Comune deve mettere telecamere e fototrappole per beccare questi delinquenti, se funzionano per multare gli incivili che abbandonano i rifiuti possono essere molto utili anche per i topi d’auto, oltre al fatto che la sola presenza delle telecamere funge da deterrente”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.