La città di Quartu? Non brilla per quanto riguarda la cultura. Almeno, questo è il punto di partenza del discorso di Giacomo Medas, 67 anni, direttore della scuola civica di musica, nel corso dell’incontro pubblico organizzato dal gruppo politico “Cambiamo Quartu” che, tra i banchi del Comune, è rappresentato dal consigliere Francesco Piludu. Un lungo intervento, quello di Medas, che fa l’elenco delle tante criticità da risolvere: “La sede è stata spostata, dal tetto cade l’acqua e abbiamo le luci fulminate”. Quasi un paradosso per una realtà che, a detta dello stesso direttore artistico, “ha seicento allievi ed è la più finanziata, in Sardegna, dalla Regione. C’è difficoltà a capire questa situazione”, prosegue Medas. Che mette, nella sua classifica delle priorità, “la cultura prima di una strada asfaltata o un monumento. Vivo a Quartu dal 1980, ho sempre visto la classe politica fare strade o piazze. E la cultura? La città va animata a livello culturale, bisogna anche organizzare eventi che avvantaggino i nostri giovani”. E il messaggio più forte all’amministrazione comunale è bello che lanciato.“Sento cose pazzesche. Giovani che chiedono perchè non li ho contattati per avvisarli di fare l’iscrizione, quando c’è tutto nel sito della scuola civica. Manca l’abc, dobbiamo imparare dai paesi dell’Est dove i ragazzini di cinque anni sanno già leggere la musica. Qui in Sardegna no: l’inglese sì, la musica no. È questa ‘forma mentis'”, conclude, amareggiato, Medas, “che mi tiene lontano dalla mia città”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.