Il tour “horror” delle case diroccate e abbandonate di Quartu, grazie alle verifiche svolte dai Vigili del fuoco dopo l’ultima ondata di maltempo, va avanti. E il Comune adesso punta gli occhi su via Pitzolo 22: lì, incastonato tra due palazzine nuove e quasi senza un graffio, c’è un rudere dimenticato, soprattutto, dai suoi quattro proprietari. Le transenne, ormai, sono diventate parte dell’arredamento della strada, e son state lasciate lì anche dopo le ultimissime verifiche. Ed ecco il nuovo ultimatum degli uffici comunali ai titolari dell’immobile: nuovo perchè, gia due anni fa, era stata emanata un’ordinanza sindacale identica. “Fate i lavori”, questo il succo dell’avviso. Ma lì, di operai, neanche l’ombra. Ma il countdown è già partito: o saranno eseguiti lavori di “ripristino, consolidamento o demolizione” di ciò che resta dell’abitazione, o le multe sino a 480 euro saranno una mera formalità.Lì, in via Pitzolo, il rischio di un crollo è tutt’altro che un’ipotesi remota. E, infatti, prova ne è la presenza delle transenne, che costringono i pedoni a passare quasi al centro della strada, con tutti i rischi del caso.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.