Quartu dichiara guerra a bulli, al bullismo e a chiunque usi internet o i social per veicolare violenza e sopraffazione, con un Piano pluriennale di interventi che nascono da un impulso dell’Assessorato comunale alla Pubblica istruzione, attraverso il lavoro svolto dal Tavolo di Coordinamento contro il bullismo e il cyberbullismo, promosso dall’Amministrazione quartese in collaborazione con le scuole cittadine e con esperti di settore.  Il progetto, in fase di strutturazione già da diversi mesi grazie a una serie di incontri operativi tra i vari organismi e istituzioni coinvolte, è entrato nella prima fase di operatività che durerà fino a dicembre con una serie di iniziative in città realizzate attraverso il coinvolgimento di istituzioni culturali, scuole, associazioni di volontariato, esperti, imprese specializzate, Comando di Polizia Municipale, Forze dell’Ordine, Osservatorio Cyberbullismo in Sardegna, Associazione Aspes, Polposte e altri soggetti. Fitto il calendario di incontri multidisciplinari volti a creare la giusta dose di “anticorpi” a bullismo e cyberbullismo attraverso una capillare informazione di famiglie, ragazzi e operatori dell’educazione.

“Il progetto si rivolge ai giovani, per aiutarli ad avere il giusto approccio al confronto fra pari dopo un periodo lunghissimo di socialità interrotta”, spiega l’assessora Cinzia Carta. “La mission è quella di informare, coinvolgere e sensibilizzare i ragazzi al corretto approccio verso gli altri e verso i social, con l’aiuto indispensabile delle istituzioni scolastiche, degli esperti di settore e delle forze dell’ordine”. Alta l’adesione delle scuole: “Hanno aderito gli istituti comprensivi 1, 4, 5, 6 con le loro classi medie, mentre nel grado superiore figura la partecipazione del liceo Motzo, del Brotzu e del Primo Levi: contiamo di raggiungere così circa 1000 ragazzi”.

Ricco e variegato il calendario degli appuntamenti promossi sa diversi soggetti: fra i primi a partire i seminari del Nucleo di Prossimità della Polizia Municipale di Quartu, con incontri di due ore ciascuno presso le classi degli Istituti Comprensivi n. 1,4,5 e 6, il primo dei quali già svolto l’8 novembre e a seguire nelle giornate del 12/15/16/e 26 Novembre e 1/2 e 9 Dicembre: saranno coinvolte le classi selezionate dal corpo docente con la presenza qualificata di un esperto della Polizia Postale.

Già in corso anche gli appuntamenti presso la Biblioteca Centrale di Via Dante, con il progetto “Occhio alla rete” che prevede incontri e seminari in presenza destinati a diverse fasce d’età, con la possibilità di collegamento in streaming.  Si parte dall’ 11 novembre, con il seminario coordinato da educatori e psicologi con il Centro Provinciale per l’Istruzione degli Adulti, per poi seguire il 18 e il 25 novembre con due un seminari tenuti da esperti di Polposte e rivolto agli alunni degli Istituti superiori Motzo e Brotzu, mentre il 26 Novembre ci sarà la presentazione del libro “La mediazione tra pari. Pratiche di legalità in tempi di educazione civica” rivolto agli alunni del Liceo Brotzu.  Mentre dopo la partecipata presenza nella giornata di martedì 9, nei giorni 16/23 e 30 Novembre alle classi quinte delle scuole primarie verrà proposta la riedizione del laboratorio a tema “Bullo Citrullo”.

La Biblioteca di Flumini in collaborazione dell’Istituto Comprensivo n. 6 terrà degli incontri rivolti ai docenti, agli alunni e ai genitori nei giorni 17/23/24/25/26 e 29 Novembre. Saranno tenuti da esperti in materia e prevedono oltre agli incontri in presenza, il collegamento in streaming e percorsi pedagogici con passeggiate/escursioni nel territorio con alcune classi accompagnate da docenti/educatori.

Infine la COOP. CEMEA ha proposto laboratori, dal 15 Novembre al 17 Dicembre, rivolti agli alunni della scuola secondaria di primo grado e alle prime due classi della secondaria di secondo grado utilizzando metodologie mutuate da percorsi autobiografici e di narrazione di sé. Raccontando le proprie esperienze e memorie intorno all’argomento. Ogni incontro sarà per due classi e si terranno dalle ore 9.00 alle ore 12.00.

Il programma verrà ulteriormente aggiornato attraverso il sito istituzionale del Comune di Quartu man mano che saranno strutturate le iniziative ancora in fase di definizione.

L'articolo Quartu, il Comune dichiara guerra a bulli delle scuole e ai violenti dei social network proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.