Quartu, ha un cellulare rubato un anno fa: casalinga denunciata per ricettazione.

E’ avvenuto questa mattina a Quartu Sant’Elena, a conclusione di un’indagine scaturita dopo la denuncia di furto in abitazione presentata da un 68enne del posto, residente in via Is Arenas, coniugato e pensionato.

I carabinieri della locale Stazione hanno denunciato per ricettazione una 54enne di Quartu, coniugata, casalinga. Stamane, a seguito di una mirata perquisizione, i militari hanno rinvenuto nella disponibilità della donna lo smartphone Huawei P10, asportato nella notte tra il 23 e il 24 settembre 2019 dall’abitazione del pensionato. Comunque siano andate le cose, acquistare in qualunque sede oggetti a prezzi stracciati da sconosciuti può essere estremamente pericoloso per chi non voglia sporcare la propria fedina penale, in particolare i materiali di elettronica che lasciano sempre tracce di sé ovunque vengano utilizzati.

È proprio attraverso tali percorsi che i carabinieri sono giunti a individuare chi avesse in uso quel cellulare e a localizzarlo. Ora dovrà essere la donna a dimostrare la propria buona fede, magari andando a dichiarare chi glielo abbia venduto o regalato. In ogni caso non si tratta di una posizione comoda, perché una denuncia per ricettazione è sempre molto pesante, essendo tale reato punito più pesantemente del furto.

L'articolo Quartu, ha un cellulare rubato un anno fa: casalinga denunciata per ricettazione proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.