Rifiutata all’open day imbastito dalla De Vizia nella piazza davanti al Comune “perché non sono censita”. Simona Rombi, 54enne di Quartu, è dovuta tornare a casa non a mani vuote, bensì con i suoi vecchi mastelli: “Me li sono dovuti trascinare da casa mia, in via Piras 11, sino alla piazza, e poi nuovamente sino alla mia abitazione. Dal 2019 ho una frattura al malleolo della gamba destra, dopo pochi passi zoppico e non ho l’auto perché prendo solo novecento euro di reddito di cittadinanza, devo pagare ogni mese 450 di affitto e ho due figli, entrambi minorenni, ai quali badare”. Ma come mai non ha ottenuto i nuovi mastelli col microchip? “Una delle addette alle consegne mi ha spiegato che non son stata censita perché l’incaricato della De Vizia è passato due volte, citofonando ma senza ricevere risposta”. La Rombi non ci sta: “Siamo un condominio di quattro famiglie, se uno non c’è ci sono i vicini. E, comunque, esco pochissimo da casa”.Soluzioni? Poche, principalmente una: “Mi è stato detto di andare sino alla sede principale della De Vizia con i mastelli. Ma vivo sola, nessuno può aiutarmi e darmi una passaggio sin lì. L’ultima tassa sulla spazzatura, più di trecento euro, l’ho pagata puntualmente a dicembre. Dal primo marzo, senza i nuovi bidoncini, rischio davvero di dovermi tenere la spazzatura dentro casa”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.