Lacrime e choc a Quartu e in tutto il sud Sardegna per l’improvvisa scomparsa di Giorgio Zara. Istruttore subacqueo, speleo sub e documentarista, per oltre 40 anni si è occupato di fotografia e video naturalistici. Aveva sessantasette anni. Ha girato il mondo, Zara, partendo sempre dalla sua casa nella zona di Flumini di Quartu: ha realizzato reportage in Africa, Asia e Sudamerica: Seychelles, Egitto, Sudafrica, Corsica, Cambogia, Namibia, India, Maldive, Uganda, Marocco, Mongolia, Perù, Botswana, Indonesia, sempre con la moglie, Silvia Crippa, educatrice ambientale e alla sostenibilità, guida subacquea e divulgatrice scientifica. Un difensore della natura e, in particolare, del mare, Giorgio Zara. È stato anche tra i fondatori del centro subacqueo cagliaritano. Sui social lo piangono in tanti. Manuela Vadilonga, soccorritrice cagliaritana del 118, ricorda Giorgio così: “Le mie prime immersioni come guida subacquea, le ho fatte con te. Ho tanti bellissimi ricordi. Resterai sempre il numero uno. Ogni volta che sarò li sotto penserò a te. Ciao Giorgio”. Lino Cozzuto, presidente delle Guardie ambientali della Sardegna, dice tra le lacrime di aver perso un fratello: “La morte di Giorgio è un fulmine a ciel sereno, mai avrei immaginato di ricevere questa triste notizia che mi lascia un immenso vuoto. Giorgio era uno come noi, uno che amava la vita, amava la natura e sapeva farsi voler bene. Ha realizzato splendidi documentari e servizi anche per la nascita delle tartarughe Caretta Caretta: ci mancherà tantissimo”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.