A Quartu sta per scattare l’operazione sicurezza. Contro gli incidenti e l’abbandono di rifiuti, ma in parallelo anche per garantire sicurezza ai cittadini, la Giunta guidata dal sindaco Graziano Milia ha deciso di dire sì al regolamento per l’impiego di sistemi di videosorveglianza su tutto il territorio. Un passaggio obbligato, ora manca solo l’ok, scontato, del Consiglio comunale. Poi, telecamere e droni potranno essere finalmente accesi. Gran parte dell’impianto di videosorveglianza è gestito da una società partecipata della Città Metropolitana, ma il Comune utilizzerà anche una parte dei fondi in cassa “per acquistare altre telecamere. Sfrutteremo anche i bandi che, ogni tanto, pubblica la Regione”, spiega il vicesindaco Tore Sanna. “Metteremo in campo tutte le forme possibili di controllo in nome della sicurezza, da quella stradale a quella legata alla pulizia della città, rispettando le leggi nazionali e la disposizione del garante della privacy”.Tra le novità principali “le bodycam per gli agenti della polizia Locale. Si tratta di telecamere che potranno indossare sulle divisa, oltre alle dashcam da installare nelle loro automobili. Utilizzeremo, per i controlli, anche i droni. Abbiamo già alcune fototrappole fornite dalla De Vizia”. Occhi elettronici pronti ad accendersi, quindi: “Sinora non potevamo montarli, con l’adozione del regolamento procederemo, finalmente, al loro utilizzo”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.