Avvelenato nel cortile della loro abitazione tra via Pitz’e Serra e via Cecoslovacchia a Quartu. La vittima è Ghigghi, un bassotto di dodici anni: qualcuno ha lanciato del cibo impregnato di lumachicida, domenica scorsa, e dopo pochi minuti il cane ha mostrato i primi sintomi di avvelenamento. I due padroni, Michele Taccori, istruttore di crossfit 32enne, e Marta Ragazzo, shop manager in uno studio di tatuaggi, fortunatamente si sono accorti subito della situazione e hanno portato l’animale dal veterinario: gli esami urgenti hanno portato alla conferma dell’avvelenamento. La coppia è arrabbiata e, contemporaneamente, sotto choc per l’accaduto.“Viviamo qui da due anni, abbiamo preso il cane ad ottobre e, nella nostra palazzina, quasi tutti i condomini hanno animali. Il nostro Ghigghi non ha mai dato problemi”, racconta la coppia a Casteddu Online. Su Facebook, Michele Taccori ha fatto riferimento a una telecamera presente nella zona: “Faremo di tutto per accedere alle immagini”,a speranza è quella di poter risalire al delinquente, “e per fare in modo che fatti simili non capitino più. Sappiamo che il male non si augura, ma speriamo che il karma faccia il suo percorso”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.