Le nuove Fornaci Picci? Vedranno la luce entro il primo trimestre del 2026. È questo, infatti, il periodo nel quale il Comune di Quartu Sant’Elena dovrà effettuare il collaudo finale di tutte le nuove aree che sorgeranno ai bordi di via Brigata Sassari: decine di alloggi di housing sociale, ben 65, destinati alle famiglie quartesi in difficoltà, più spazi per start up e attività imprenditoriali gestite anche da giovani e locali che potranno essere sfruttati dalle associazioni di volontariato. Ancora: un museo, spazi per fare cultura, un parco con piste per le bici e giochi e un punto destinato al ristoro. Tutto a due passi dal centro della terza città della Sardegna. Il nuovo cronoprogramma è stato approvato oggi nella riunione di Giunta guidata dal sindaco Graziano Milia. Grazie ai quasi 15 milioni di denari arrivati da Roma, tra i punti approvati c’è l’impegno “a garantire, per l’intervento in oggetto, il rispetto del limite temporale del 31 marzo 2026 in quanto cofinanziato da risorse del ‘Programma PINQUA'”. Si procederà per step, i primi collaudi avverranno già nel 2024, gli ultimi, salvo imprevisti, entro marzo 2026. Solo allora tutta l’area sarà totalmente riqualificata. Le prime gare d’appalto saranno realtà nella seconda parte del 2022.

 

Di lì a breve, gli operai entreranno in azione. Il progetto ha un valore complessivo di 29,2 milioni di euro. Quindici sono già sicuri, per gli altri quattordici l’obbiettivo del Comune, come già confermato i mesi scorsi, è di far entrare in gioco i privati, in modo da poter dar gambe a una gestione “a metà” con la parte pubblica delle nuove Fornaci Picci.

L'articolo Quartu, 5 anni di lavori milionari per le Fornaci Picci con alloggi e nuovo parco: collaudo nel 2026 proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.