Pula, la chiesa di Sant’Efisio non perderà il suo fascino grazie agli importanti lavori che prossimamente verranno avviati. Un cospicuo intervento di 500 mila euro per conservare uno dei luoghi di culto, cultura e tradizione più amato dai sardi. Non solo: piazza Dante avrà un nuovo look con un palco e spazi organizzati per gli espositori, una location che permetterà di accogliere anche grandi eventi.

Ieri durante il consiglio comunale sono stati approvati  due dei tre punti discussi all’ordine del giorno. Tra questi, i lavori che interesseranno la chiesa di Sant’Efisio e piazza Dante.

“Questa  è una variazione di bilancio – spiega la sindaca Carla Medau – nella quale abbiamo registrato risorse in entrata per importanti interventi sul nostro territorio, in particolare 500 mila euro, trasferiti dalla Città Metropolitana, e destinati al restauro della Chiesa di Sant’Efisio”. Un bene storico tanto caro a tutta la Sardegna, legato alla festa di uno dei Santi più amati, necessità purtroppo di un robusto intervento: ci sono delle lesioni nel tetto che hanno creato delle infiltrazioni d’acqua che preoccupano gli esperti. Non solo: le colonne sono soggette a un progressivo disfacimento “che ovviamente preoccupa”. Un progetto che il comune sta realizzando in stretta collaborazione con l’università di Cagliari e la sovrintendenza ai beni culturali e archeologici. “Nei prossimi mesi daremo il via a lavori  per un importo di circa 90 mila euro per il ripristino del porticato esterno della chiesa di Nora”. Le travi necessitano di una nuova copertura ed è necessario ridare una stabilità al portico. L’intervento di 500 mila euro invece avrà inizio l’anno prossimo, prevederà l’eliminazione delle lesioni della volta a botte, il rifacimento del campanile a vela più tutta un’altra serie di interventi volti a conservare nei secoli questo importante monumento, simbolo della fede, della devozione di tutta la Sardegna.

Per piazza Dante, invece, è stato chiesto un mutuo di 700 mila euro che va ad aggiungersi a una previsione di entrata di 500 mila euro per un totale di 1 milione e 200 mila euro. L’obbiettivo è quello di riqualificare la piazza che ha una estensione di 3000 mq. “È una iniziativa strategica perché rilancia l’infrastruttura per il centro abitato ‘Is Argiolas’ dove esistono tutta una serie di attività commerciali che, in occasione di eventi musicali e di intrattenimento, hanno dimostrato di poter contribuire alla buona riuscita delle manifestazioni poiché nelle vie limitrofe si crea una passeggiata, un movimento e un dinamismo che consente di decentrare la pressione che si viene a creare in estate soprattutto in piazza del Popolo. Questo ci consente – prosegue la sindaca – di dare respiro e protagonismo anche ad altre vie della nostra cittadina, obiettivo sul quale abbiamo sempre puntato dall’inizio del nostro mandato”.

Una piazza quindi concepita per un utilizzo di molteplici attività che al suo centro avrà anche una fontana. La riqualificazione, inoltre, dal punto di vista ambientale è un altro importante aspetto; si lavora nella direzione di costruire città verdi e sostenibili “e noi stiamo andando a sposare questa filosofia”. Un altro spazio verde, quindi, che restituisce decoro a tutta la cittadina. È in programma anche la realizzazione di un palco con spogliatoi e bagni. Una struttura ben organizzata insomma, per consentire anche la programmazione di concerti e grandi eventi. Il tutto, infine, sarà incorniciato da strutture che potranno essere messe a disposizione delle attività produttive. Una piazza ricca e vivace, una sorta di grande attività all’aperto da vivere.

Non solo: “Questa piazza funge da collegamento con il centro abitato e il futuro polo educativo scolastico che sorge proprio affianco. Con quasi 8 milioni di euro, finanziati con il progetto Iscol@, il polo scolastico verrà completamente riqualificato: il convitto e impianti sportivi renderanno il luogo dove studiare sarà anche praticare sport. Un campus, insomma, che ospiterà probabilmente anche la piscina e il teatro.

L’unico punto all’ordine del giorno non passato durante il consiglio comunale è quello che riguardava l’istituzione della figura del Presidente del Consiglio nello Statuto Comunale, “un ruolo di garanzia per l’imparzialità delle attività, di coordinamento con tutti i consiglieri e l’ organizzazione delle molteplici attività burocratiche tra Uffici e Consiglio Comunale.

Ho dichiarato che per questo importante ruolo non ci sarebbe stato nessun esborso  per il Comune di Pula.

Infatti la mia proposta prevede che il compenso previsto per il Presidente del Consiglio, sia decurtato dalla mia indennità di Sindaca, quindi senza pesare sul bilancio comunale e sui cittadini”.

Il punto non è passato per la mancanza di un voto, essendoci due assenti nella maggioranza.

L'articolo Pula, nuovo look per la chiesa di Sant’Efisio e per piazza Dante proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.