Pula, lo strano caso del focolaio Covid all’Aias: “Erano già vaccinati, ora attenzione: parenti non vuol dire essere congiunti”. La sindaca di Pula Carla Medau fa il punto della situazione dei contagi a Pula: “I quindici ospiti contagiati avevano già effettuato il vaccino, probabilmente però erano già positivi”. Ma la prima cittadina avverte con regole chiare i suoi cittadini sulla situazione nella capotale turistica della costa sud occidentale: ” La situazione Covid a Pula è sensibilmente cambiata, vi prego di leggere con attenzione:
Abbiamo:
? 2 nuovi cittadini POSITIVI. Siamo dunque a quota 4!
?15 nuovi pazienti positivi. Fanno tutti parte della struttura AIAS, la Direzione Sanitaria mi riferisce che tutti i pazienti presentano condizioni di salute abbastanza buone.
L’Amministrazione Comunale ha immediatamente attivato per tutti i positivi le procedure e i protocolli Covid previsti.
VI ESORTO A OSSERVARE STRETTAMENTE LE RESTRIZIONI CHE BEN CONOSCETE.
Le varianti del virus sono molto AGGRESSIVE E CONTAGIOSE e “SE NE FREGANO” se siamo in zona bianca o zona rossa, viaggiano per conto loro a prescindere dai colori.
VI RICORDO INOLTRE CHE ESSERE PARENTI NON SIGNIFICA ESSERE CONGIUNTI, proteggete la salute dei vostri familiari più fragili o anziani limitando le visite allo stretto necessario.
NON SONO CONSENTITE: feste, spuntini, pranzi e qualunque incontro che possa creare assembramento o mettere a repentaglio la salute delle persone.
Indossate la mascherina, tenete le distanze e igienizzate le mani.
Prepariamoci ai vaccini, l’unica soluzione per uscire dalla pandemia”, spiega la sindaca Carla Medau su Fb.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.