Indagine a Bologna, operazione di Digos e Polizia postale

(ANSA) - BOLOGNA, 19 MAR - Avrebbero diffuso in chat su varie piattaforme idee fondate sull'odio etnico e razziale, istigando a commettere atti di discriminazione, anche con apologia della Shoah e di genocidi. Per questo la Polizia su delega della Procura di Bologna ha perquisito quattro indagati, tra i 19 e i 53 anni, residenti tra Bologna e Modena: le accuse sono propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale, etnica e religiosa.

L'operazione è della Digos, insieme alla Polizia Postale, con il coordinamento del Servizio per il contrasto dell'estremismo e del terrorismo interno della Direzione centrale della polizia di prevenzione della Polizia di Stato. E' stato accertato che i quattro avevano costituito un'associazione con lo scopo di incitare alla discriminazione ed alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali e religiosi. Erano già conosciuti perché attivi in alcune chat 'suprematiste' emerse nell'ambito di un'indagine a Genova che aveva portato, il 22 gennaio, all'arresto di un savonese. Gli indagati aderiscono a un'associazione di rievocazione storica delle milizie della Germania nazista. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.