Pronto soccorso, nuovo responsabile. Ma resta chiuso ai malati non Covid
Al San Martino anche due nuovi medici, però senza specializzazione: incerta la loro permanenza 

Continua a rimanere chiuso ai pazienti non Covid il Pronto soccorso di Oristano, dove  sono ricoverati quattordici persone, tre delle quali in condizioni piuttosto gravi. Intanto il Servizio ha un nuovo responsabile: è il dottor Luca La Civita, reumatologo, già nell’organico del reparto Medicina dello stesso ospedale. Da ieri ha assunto l’incarico di facente funzioni del direttore del Servizio. Una posizione ricoperta finora dalla dottoressa Priscilla Ongetta, che da qualche settimana aveva chiesto di essere sostituita.

Al Pronto soccorso sono arrivati anche due dei dieci medici assegnati alla ASSL di Oristano, con un contratto di prestazione libero professionale, reclutati attraverso l’avviso pubblicato il mese scorso dalla Regione con lo scopo di garantire rinforzi ai reparti Covid degli ospedali della Sardegna, tutti in grande sofferenza.

Una chiamata a cui hanno risposto 770 medici, molti dei quali senza alcuna specializzazione. Un particolare questo che rende problematico il loro impiego, considerato il livello di competenze richiesto per i pazienti Covid, con necessità di cure complesse. Proprio per l’assenza della necessaria preparazione professionale, infatti, nessuna compagnia di assicurazione sembra disposta a coprire il rischio clinico legato al loro lavoro in corsia. Da qui la possibilità che i giovani laureati rinuncino all’incarico.

È destinata quindi a non avere ancora adeguata soluzione la situazione di difficoltà in cui si trova a operare il personale del Pronto soccorso di Oristano, con un organico sottodimensionato e costretto a pesanti turni per garantire l’assistenza ai pazienti infetti da Coronavirus, che continuano a non trovare posto in altre strutture della provincia. Sia i reparti dedicati del San Martinosia quelli degli ospedali di Bosa e Ghilarza non hanno alcuna disponibilità, e così pure quelli del resto della regione.

Una nuova speranza è legata ora all’allestimento del reparto di degenza ordinaria e di terapia intensiva del Marino di Cagliari, che, secondo gli orientamenti dell’ATS, dovrebbe contribuire a ospitare i pazienti oristanesi affetti da Covid, e quindi a restituire il pronto soccorso al suo vero ruolo.

Martedì, 24 novembre 2020

L'articolo Pronto soccorso, nuovo responsabile. Ma resta chiuso ai malati non Covid sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.