Primo weekend in zona gialla: tra assembramenti e spazzatura
Da Oristano a Putzu Idu le segnalazioni dei nostri lettori

Giovani sabato sera sul lungomare di Putzu Idu

Il primo fine settimana di zona gialla in Sardegna ha segnato il “liberi tutti” e – soprattutto in alcune zone della provincia di Oristano – si sono registrate situazioni di assembramento.

Diverse le segnalazioni arrivate alla nostra redazione. A Putzu Idu sabato sera – complice la giornata di temperature estive – numerosi giovani hanno affollato il lungomare per assaporare l’attesa libertà. Peccato abbiano perso l’occasione di farlo senza vanificare gli sforzi e i sacrifici compiuti – anche se non soprattutto da loro nei mesi precedenti: “Erano assembrati tutti in un unico punto e molti di loro non indossavano la mascherina”, commenta un lettore. “Ho evitato di fermarmi perché la situazione non mi sembrava sicura”.

Dal mare alla città, lo scenario non era dissimile e occasioni di assembramento sono state segnalate anche nel centro di Oristano. Nei giardini pubblici di viale Repubblica, nonostante appelli e ordinanze, ancora una volta sono stati trovati i resti dei bagordi della notte prima, con bottiglie di alcolici abbandonate e spaccate nei pressi delle panchine, bicchieri sull’erba e involucri di cibo consumato all’aperto abbandonato.

Il parco di viale Repubblica ieri pomeriggio

Lunedì, 24 maggio 2021

L'articolo Primo weekend in zona gialla: tra assembramenti e spazzatura sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.