La pasta più cara d’Italia? A Cagliari. Avete letto bene: con 4,7 euro al chilo, il capoluogo della Sardegna si piazza dritto sul primo gradino del podio della classifica. Lontani i tempi in cui un buono e abbondante piatto di pasta era alla portata di tutti ed era il modo più economico per riempire la pancia e non svuotare il portafogli. La classifica sul caro pasta è stata stilata da Assoutenti, che mette anche in guardia su possibili altri aumenti dovuti al complicarsi della guerra fra Russia e Ucraina, con percentuali che possono schizzare ancora verso l’alto fino al 15 ma anche fino al 30%. Un fenomeno che la corsa all’accaparramento di questi giorni, con i supermercati letteralmente saccheggiati e gli scaffali svuotati dai beni di prima necessità, prima di tutto pasta e farina, rischia di ingigantire ancora di più. Che i costi lievitino quanto più cresce la domanda è un concetto banale, se poi il bene richiesto scarseggia pure allora non c’è scampo.

Aumenti record anche per il pane, che ha raggiunto un prezzo medio di 5 euro e 31 centesimi al chilo, con picchi di oltre 9 euro in alcune città.

E dunque non bastavano le bollette raddoppiate, di cui peraltro non si parla più come se fosse roba archiviata e non lo è affatto, non bastava il carburante alle stelle e non bastavano gli aumenti-speculazioni dovuti al Covid. Ma per quanto tempo le famiglie sarde, stritolate da costi insostenibili, potranno resistere? 

L'articolo Prezzi choc, a Cagliari la pasta più cara d’Italia proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.