Seneghe

La Pro loco rilancia la manifestazione coinvolgendo produttori ed esperti

Degustazioni dei prodotti tipici del territorio, incontri con diverse aziende che li producono, tanti ospiti esperti del settore, lezioni di cucina e proiezione di un documentario a tema. Ritorna dopo alcuni anni a Seneghe “Prentzas Apertas”, con una nuova veste. Un appuntamento nella settimana prima di Natale – dal 17 al 19 dicembre – che ambisce a diventare un punto di riferimento per il Montiferru e le sue comunità.

Al centro delle tre giornate ci sarà ovviamente l’oro di Seneghe, ovvero “L’olio d’oliva, tra simbologia e connessioni”, come recita il sottotitolo della manifestazione. La sedicesima edizione della festa dell’olio nuovo, del buon cibo e del buon bere si trasformerà quindi in un momento importante di incontro e confronto, per far partire interventi di sviluppo in un’area territoriale peculiare quale il Montiferru.

Soggetti privati e pubblici per mettere in pratica un percorso da protagonisti nel panorama dell’olivicoltura isolana immaginando uno sviluppo etico, condiviso e partecipato della comunità seneghese nel settore dell’agroalimentare e della gastronomia di eccellenza. Al centro ovviamente c’è Seneghe e la sua capacità di “aprirsi al mondo”.

La guida è affidata alla Pro loco, che ha investito nel progetto intrecciando nuove reti attorno all’evento. “Abbiamo ripensato l’evento collocandolo in una nuova cornice”, spiega la presidente della Pro loco, Vincenza Pala, “puntando sul ruolo dei produttori del territorio, sulla sostenibilità, sulle esperienze gastronomiche e naturalmente sulle tradizioni di un’area di eccellenza in Sardegna per la produzione agroalimentare di qualità”.

Tra gli obiettivi di Prentzas Apertas quello di promuovere lo scambio di conoscenze e la costruzione di collaborazioni a livello locale, nazionale e internazionale. Si parlerà di innovazione nelle tecniche di olivicoltura, di come far crescere la conoscenza del settore e lo sviluppo enogastronomico e commerciale tra le nuove generazioni, di stimoli alla pianificazione strategica degli operatori economico-culturali del territorio, di come incentivare la competitività del tessuto economico locale.

Il programma. Ventisei ospiti e una decina di aziende del territorio saranno protagonisti dei diversi appuntamenti dalla mattina alla sera, nel fine settimana che precede il Natale. Come sfondo alcune delle sedi più affascinanti e storiche di Seneghe, capitale dell’olio e culla di poesia e cultura: Casa Aragonese (via Roma 10), Casa Pili (piazza Mannu 9) e Casa Addis (via Roma 22).

Pranzo e cena nelle tre giornate a Casa Addis a cura dello chef Pierluigi Fais, patron del ristorante “Josto”, eccellenza della cucina d’autore nelle due sedi di Oristano e Cagliari, che porta con sé una grande bravura e tanta passione con la misura e il pragmatismo che lo contraddistinguono. Il suo ristorante giovane e creativo è nella lista dei 50 Top Italy 2022, mentre Framento, la sua pizzeria a Cagliari, è stata segnalata nella Guida Pizzerie d’Italia 2017 del Gambero Rosso con il massimo punteggio, tre spicchi.

Generico novembre 2021

Si parte il 17 dicembre con l’inaugurazione e la presentazione di Prentzas Apertas, alle 10.30 a Casa Aragonese. Alle 11.00 un incontro sul tema “Nuove tecniche di raccolta fra tradizione, nuove tecnologie e cambiamento climatico”. Intervengono Andrea Armaroli, direttore generale della Campagnola srl, Sergio Corona, imprenditore di Cagliari da oltre vent’anni nel settore agricolo, e Luigi Porru, mandatario regionale della Campagnola. Alla stessa ora, ma a Casa Pili, si potrà visitare l’esposizione a cura della Campagnola di macchinari e nuove tecnologie di raccolta e potatura, assieme a un’esposizione a cura delle aziende olivicole seneghesi.

Sempre alle 11 si terrà alla pizzeria Sa Prentza un aventoo sulla valorizzazione gastronomica dell’olio di oliva, con un corso (dieci partecipanti) a cura di Giovanni Ulleri, pizzaiolo (Gambero Rosso 2022), Pierluigi Fais, chef (Josto) e Paolo Solinas, esperto di enogastronomia e hospitality.

Alle 12.30 a Casa Aragonese lo spazio dedicato alle degustazioni, con l’aperitivo a cura dell’Oleificio sociale di Seneghe, dell’azienda agricola Pretziosa e della cantina vitivinicola Montiferru. Alle 13.30 il momento conviviale del pranzo a Casa Addis a cura dello chef del ristorante “Josto”, Pierluigi Fais.

Nel pomeriggio si riprende alle 17 con l’incontro a Casa Aragonese dal titolo “Opportunità e sviluppo sostenibile del settore olivicolo in Sardegna. Il distretto Olivarios”. Incontrano il pubblico Tore Piana, coordinatore comitato del Distretto agroalimentare di qualità olivicolo “Olivarios”, attuale presidente di Filiera Olivicola Sard scarl, e Michele Ruiu, specializzato in cooperazione e progetti di innovazione rurale nell’agroalimentare, con particolare attenzione all’inclusione sociale. Si chiude la serata con la cena a Casa Addis sempre a cura di del ristorante “Josto” di Pierluigi Fais, con piatti creativi e i migliori prodotti locali del Montiferru.

Sabato 18 dicembre alle 10.30 l’incontro “Olivicoltura vs Olivi-cultura. Una risorsa per i territori e le comunità”. Marcello Sollai, agronomo responsabile dell’azienda agricola Fratelli Andria di Seneghe, Pietro Pais, presidente dell’Oleificio sociale di Seneghe e Paola Barbarossa, produttrice, sommelier e assaggiatrice dell’olio, dialogano con Piero Maieli, consigliere regionale con delega all’agricoltura e Diego Loi, sindaco di Santu Lussurgiu, presidente dell’Unione dei Comuni Montiferru e Alto Campidano dal 2016, consigliere regionale della Sardegna. Modera Giovanni Antonio Sechi, vice presidente dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio.

Alle 12.30 lo spazio degustazioni a Casa Aragonese con aperitivo a cura di azienda agricola Su Riu, azienda aAgricola Cosseddu, Alim. Sar e cantina vitivinicola Montiferru. Pausa pranzo alle 13.30 con lo chef Pierluigi Fais del ristorante Josto.

Alle 16.00 a Casa Aragonese si parlerà di storia e simbologia dell’olio di oliva nel Mediterraneo, nell’incontro dal titolo “Olio come oro. L’essenza del Mediterraneo”, a cura di Helga Sanità, docente di Antropologia del patrimonio e Antropologia culturale all’Università di Napoli Suor Orsola Benincasa.

Nella stessa sede alle 18.30 si parlerà di “Branding e commercializzazione dell’agroalimentare di qualità” con Jessica Cani, esperta di comunicazione nel settore enogastronomico e turistico, e Paolo Solinas. Modera l’incontro Gilberto Arru, giornalista, esperto di enogastronomia (Guida dei Vini d’Italia, Almanacco del Berebene del Gambero Rosso, Guida Ristoranti de L’Espresso, Guida Vini Buoni d’Italia). Cena alle 20.30 a Casa Addis.

Alle 21.30 a Casa Aragonese la proiezione del documentario “Genuino Clandestino”, di Nicola Angrisano, produzione InsuTV. Mentre la burocrazia bandisce dal mercato migliaia di piccoli produttori, il consumatore continua a subire, spesso inconsapevolmente, modelli di produzione inadeguati a garantire genuinità e affidabilità dei cibi. Decine di coltivatori, allevatori, pastori e artigiani si uniscono nell’attacco alle logiche economiche e alle regole di mercato cucite sull’agroindustria, per difendere la libera lavorazione dei prodotti, l’agricoltura contadina, l’immenso patrimonio di saperi e sapori della terra. Una rete di resistenza contadina da cui nasce la campagna ”Genuino Clandestino”.

InsuTV è una tv partenopea che ha iniziato la sua attività di tele-street a Napoli nel 2003. Ha trasmesso videoproduzioni proprie, materiali d’archivio presenti nell’archivio di NewGlobalVision e tutte le autoproduzioni che giungevano in redazione dalle comunità del territorio. Fin dall’inizio è diventata il punto di riferimento di tutti coloro che vogliono raccontare la città da altri punti di vista, lontani dalle logiche del mainstream.

Domenica 19 dicembre appuntamento alle 11 a Casa Aragonese con l’Associazione Nazionale Città dell’Olio. Il presidente Michele Sonnessa incontra Seneghe. Modera l’incontro Maura Boi, coordinatrice regionale dell’associazione. Alle 13 l’aperitivo a cura di azienda agricola Fratelli Andria, azienda agricola Salaris e cCantina vitivinicola Montiferru. Alle 13.30 pranzo a Casa Addis.

Alle 17.00 l’incontro sul tema “Dal campo al frantoio. Tradizione e tecnologie di produzione e trasformazione”. Palmerio Zoccheddu, iscritto all’elenco nazionale assaggiatori d’olio extravergine d’oliva e componente del panel della giuria del Concorso nazionale Montiferru, Pierpaolo Arca, fiduciario per Slow Food del presidio Terre Oristanesi, tecnologo alimentare ed esperto in elaiotecnica, presidente di giuria al Premio nazionale Montiferru per oli extravergini, e Massimo Corda, tecnologo alimentare, incontrano il pubblico. Cena alle 20.30 a Casa Addis.

Prentzas Apertas è un evento organizzato dalla Pro Loco di Seneghe con il contributo del Comune di Seneghe e la Fondazione di Sardegna.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.