Maria Carmina, 76 anni, fa parte di quel gruppo di pazienti rimasti contagiati nel focolaio scoppiato al “Mastino” di Bosa

SASSARI. «Non piangere, non morirò». Erano le 6.30 del mattino di martedì 30 marzo quando Piergiovanna ha visto e sentito sua mamma per l’ultima volta in videochiamata, prima che un casco la trasferisse in un mondo di suoni ovattati, di solitudine e di paura. «Da quel momento vivo con l’ansia e attendo ogni giorno la solita ora, a fine mattinata, quando gli angeli della Rianimazione di Sassari mi chiamano al telefono e mi dicono come sta mia madre». Maria Carmina, 76 anni, fa parte di quel gruppo di pazienti rimasti contagiati nel focolaio Covid scoppiato all’ospedale “Mastino” di Bosa. Uno di quei pazienti è morto, lei è in condizioni molto gravi e gli altri sono stati trasferiti nei vari reparti Covid della Sardegna.

Il servizio completo sul giornale in edicola e nella versione digitale

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.