Sul mega banchetto proibito a Sardara Solinas in aula non parla. E l’opposizione in consiglio regionale s’infuria e blocca i lavori. Che riprenderanno domattina alle 10. tensione in via Roma sul pranzo con politici e dirigenti regionali bloccato dalla Finanza. Secondo il centrosinistra, il presidente della regione Solinas dopo aver annunciato provvedimenti esemplari e pugno duro sui partecipanti al banchetto dei 40 fra politici e dirigenti regionali, doveva andare oggi stesso in aula a riferire la sua posizione, per “dare risposta a tutti i sardi oltre che all’aula”, dunque per una ragione etica più che tecnica. In pratica, sottolinea il capogruppo del Pd Gianfranco Ganau, il centrosinistra voleva che il governatore andasse in aula a ribadire la linea dura espressa attraverso la stampa. Ma Solinas ha fatto sapere che la vicenda sarà chiarita con l’accertamento dei fatti. Ci sono accertamenti in corso da parte di altre istituzioni e quando saranno completati il presidente riferirà.

L’opposizione ha protestato. Anche Oppi, Udc, ha abbandonato la seduta, ha preso i suoi consiglieri e se n’è andato sbattendo la porta: “Non ho tempo da perdere”, ha detto. La seduta è stata aggiornata a domani alle 10.

L'articolo Pranzo proibito coi politici a Sardara: Solinas non parla, tensione in consiglio regionale proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.