Pranzo di Sardara, il sindacato Usb: “I vertici dell’Aou di Cagliari coinvolti si dimettano per rispetto ai sardi”. Duro comunicato di Gianfranco Angioni, portavoce del sindacato Usb: “Cosi come apprendiamo dalla stampa , i vertici dell’AOU di Cagliari coinvolti per rispetto dell’intera popolazione Sarda dovrebbero rassegnare immediatamente le dimissioni. Riteniamo inaccettabile, che in momento cosi drammatico per l’intero tessuto sanitario, economico e sociale, e con una sanità ancora al collasso dove operatori e pazienti hanno pagato e stanno pagando uno scotto altissimo, chi dovrebbe dare l’esempio possa aggirare le norme. Cosi riporta il quotidiano Unione Sarda, alle Terme di Sardara c’era anche l’intero vertice dell’azienda ospedaliera universitaria di Cagliari: il manager Giorgio Sorrentino, la direttrice amministrativa Roberta Manutza e Paola Racugno, nominata il primo febbraio scorso direttrice sanitaria. Il direttore generale Sorrentino si è insediato nel settembre 2016 ed è stato nominato con decreto del presidente della Giunta regionale, d’intesa con il rettore dell’università di Cagliari”.

L'articolo Pranzo di Sardara, il sindacato Usb: “I vertici dell’Aou di Cagliari coinvolti si dimettano per rispetto ai sardi” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.