Una prima “fetta” dei turisti positivi al Coronavirus bloccato in Sardegna (circa il 30 per cento del totale, a quanto si apprende) è stato contattato da Protezione Civile e Croce rossa per predisporre il piano navale “protetto” per riaccompagnarli a casa. Ma non tutti hanno espresso la volontà di andarsene: “Una parte ha detto che preferisce trascorrere la quarantena qui in Sardegna. Quando gli abbiamo detto che dovevano fare la quarantena qui, la maggior parte ha protestato” spiega a Casteddu Online

Marcello Acciaro, responsabile dell’Unità di crisi, “allora abbiamo detto loro che gli avremmo portati a casa e l’ingegnere della Protezione Civile mi ha detto che”, a quel punto, “tanti volevano farla qui”. Insomma, un cambio d’idea totale. “Su un trenta per cento, mi è stato detto che molti volevano fare la quarantena in Sardegna, ma a casa loro. Il concetto è: li portiamo via per agevolarli, molti di quelli che hanno fatto la quarantena l’hanno fatto a spese della struttura che li stava ospitando”.

“Non è l’aspetto del costo che fa la differenza ma le condizioni in cui la fai. Fare quarantena in una stanza d’albergo, dove non puoi uscire, non è bellissimo. Dovrò sentire il responsabile del percorso e chiedere a che punto sono arrivati, che numeri hanno”. I vacanzieri sono stati “contattati uno ad uno. La situazione è tutta in divenire, prima dobbiamo avere i dati finali”.

L'articolo Positivi al Covid in Sardegna, la richiesta di molti turisti: “Vogliamo fare la quarantena qui” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.