La linea zinco verrà fermata a dicembre, 400 lavoratori a rischio

CAGLIARI. La Portovesme Srl fermerà la linea di produzione zinco tradizionale, con una capacità annua di 100mila tonnellate, non più tardi della fine di dicembre, fino a quando non ci sarà un cambiamento significativo nei prezzi del mercato dell'energia. Questa decisione - spiega una nota dell'azienda del Sulcis Iglesiente - è stata presa a causa «degli spropositati prezzi dell'energia, sperimentati in Italia e nel resto d'Europa dall'inizio di quest'anno». La Portovesme Srl è l'unico produttore primario di zinco e piombo in Italia, appartenente al gruppo Glencore, leader mondiale nel settore dei metalli non ferrosi. Essendo un'industria ad alto consumo energetico, dipende fortemente da prezzi competitivi e stabili dell'elettricità. Le altre aree produttive con meno dipendenza dai consumi elettrici, come Waelz, SX e linea Piombo, verranno mantenute in marcia operativa normale. La decisione avrà un impatto su circa 400 dipendenti diretti e sui correlati servizi esterni. La Portovesme Srl - spiega la nota - continuerà a monitorare la situazione del mercato energetico italiano al fine di rivalutare la propria decisione non appena le condizioni dei prezzi lo consentiranno. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.