I fatti per cui sono indagati i tre giovani risalgono alla notte del 20 ottobre scorso

CAGLIARI. Si divertivano a incendiare le auto per strada, lanciando degli ordigni artigianali. Tre giovani di Porto Torres, di cui uno minorenne, sono stati identificati e denunciati dai carabinieri della Compagnia di Porto Torres per danneggiamento aggravato in concorso, esplosioni pericolose, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e favoreggiamento personale. Nelle abitazioni dei tre i militari hanno trovato anche droga, bilancini di precisione, materiale per il confezionamento delle dosi e una pistola fedele riproduzione del revolver modello «Smith & Wesson».

I fatti per cui sono indagati i tre ragazzi risalgono alla notte del 20 ottobre scorso, quando furono danneggiati una Ford Mondeo e un Fiat Fiorino parcheggiati per strada. Contro entrambe le vetture furono scagliati ordigni rudimentali fabbricati dagli stessi vandali. Gli investigatori sono riusciti a risalire ai presunti responsabili attraverso l'analisi delle immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza della zona e grazie anche ad alcune testimonianze. Il ragazzo minorenne è stato denunciato per favoreggiamento personale. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.