Ha portato un cellulare in cella a un detenuto nel penitenziario di Alghero. E oggi il presbitero don Mario Ildefonso Chessa è stato costretto agli arresti domiciliari.

“Gli arresti domiciliari di don Mario Idelfonso Chessa, Amministratore parrocchiale della Parrocchia di S. Maria La Palma in Alghero e, fino a qualche settimana fa, cappellano della Casa Circondariale “Giuseppe Tomasiello” di Alghero, hanno destato comprensibile sconcerto in tutta la nostra Chiesa ed in particolare nella Comunità parrocchiale che guida da vari anni”, ha dichiarato Monsignor Giuseppe Curcu, Vicario Generale della Diocesi di Alghero-Bosa.

“Il Vescovo e tutto il presbiterio esprimono, in preghiera, fraterna e solidale vicinanza al confratello che soffre e, certamente, vive ora momenti di particolare disagio e difficoltà. Nel confermare piena fiducia nella Magistratura e negli Inquirenti che lavorano per la tutela di tutti e di ciascuno, affidiamo al Signore questa situazione di prova e di dolore nella speranza che tutto possa compiersi in verità e giustizia”.

L'articolo Porta il telefonino in cella a un detenuto, sacerdote sardo ai domiciliari proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.