Ponte del Rimedio, due giovani ferite in un incidente
Ieri notte con l’auto sono andate a sbattere contro il guardrail

L’auto distrutta dal violento urto contro il guardrail

Due giovani – una di Bauladu, 31 anni, e l’altra di Milis, 33 anni – sono rimaste ferite ieri notte in un incidente accaduto alla fine del ponte del Rimedio, a Oristano, poco dopo le 23.

Per cause ancora da accertare, prima di raggiungere il collegamento verso la 131, l’auto sulla quale viaggiavano, una Citroen C3,  si è schiantata contro la testata del guardrail. L’impatto è stato molto violento, la parte anteriore e il parabrezza sono stati distrutti e l’abitacolo si è deformato.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri, la Polizia e i Vigili del Fuoco. Le due ragazze sono state trasportate con un’ambulanza del 118 al Pronto Soccorso dell’ospedale San Martino, dove sono state ricoverate in codice rosso. Tutte e due hanno riportato diversi traumi, ma non sono in pericolo di vita.

La rimozione dell’auto, distrutta nella parte frontale

 Domenica, 16 maggio 2021

L'articolo Ponte del Rimedio, due giovani ferite in un incidente sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.