Governo vuole imporre tassa e più contenuti d'impronta nazionale

(ANSA) - VARSAVIA, 10 FEB - I media polacchi sono oggi in sciopero, per protestare contro una nuova controversa legge sulla pubblicità, ritenuta un attacco alla liberà di opinione.

Nel contesto della pandemia, l'esecutivo di Mateusz Morawiecki vuole infatti imporre una tassa del 5% sulle pubblicità, entrando inoltre nel merito dei contenuti, e costringendo le imprese (anche quelle straniere) ad ampliare la pubblicazione di materiale dal contenuto nazionale polacco.

"Il potere ha dichiarato guerra alla libera opinione", ha scritto il quotidiano Gazeta Wyborcza in apertura, pubblicando - così come altre testate e radio - una lettera aperta ai governanti e ai leader di partiti politici. Nel testo, la tassa viene definita "racket", e i media si oppongono a eventuali nuove limitazioni della libertà di parola. Il disegno di legge, che potrebbe entrare in vigore da luglio prossimo, prevede che i fondi ricavati saranno usati a sostegno delle istituzioni colpite dal Covid.

"Dobbiamo rispondere alle nuove sfide del mondo digitale" ha affermato ieri nel corso della conferenza stampa il premier Morawiecki, additando fra i 'colpevoli' "Apple, Amazon Facebook e Google" e dichiarando - lo scrive la Pap - che le soluzioni proposte dal suo esecutivo seguono quelle di Francia, Spagna e Italia, in mancanza delle decisioni comunitarie. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.