Ieri sera 300 fermi e decine di feriti, bruciato un appartamento

(ANSA) - VARSAVIA, 12 NOV - Decine di feriti, fra i quali anche diversi giornalisti e 35 agenti di polizia, almeno 300 persone fermate e 36 arresti: questo è il primo bilancio di gravi scontri avvenuti ieri sera a Varsavia fra gruppi di nazionalisti polacchi e la polizia, in occasione della marcia organizzata per festeggiare il 102/imo anniversario dell'indipendenza della Polonia.

Le forze dell'ordine riferiscono anche dell'incendio di un appartamento e di diversi danni all'infrastruttura stradale.

Secondo il portavoce della polizia, fra alcune migliaia di partecipanti alla marcia - illegale a causa delle restrizioni dovute alla pandemia - vi erano tifosi e hooligan, e molte persone in stato di ubriachezza.

Le pattuglie della polizia sono state attaccate con pietre e bottiglie. Un razzo sparato dai manifestanti ha provocato l'incendio in una casa lungo il percorso della marcia.

"Dobbiamo prendere sulle nostre spalle la croce di Cristo e diventare i suoi nuovi cavalieri" ha detto all'inizio Robert Baczkiewicz, capo dell'associazione Marcia dell'Indipenenza, che ha organizzato l'evento, rivolgendosi agli ultrà presenti e invitandoli - come ai tempi delle crociate - a "conquistare Gerusalemme." Scontri si sono verificati anche a Breslavia, dove si registrano 11 arresti. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.