Oristano

Importante riconoscimento per il dirigente da quasi trent’anni in città

Importante incarico per il dirigente della polizia di stato Pino Scrivo che dopo quasi trent’anni lascia Oristano per  diventare vicario del questore di Nuoro Alfonso Polverino. Scrivo andrà a sostituire il vicario Renato Panvino, destinato a Catanzaro.

Attuale dirigente dell’anticrimine,  Pino Scrivo è arrivato a Oristano nel lontano 1994 e all’interno della questura ha ricoperto prestigiosi incarichi.

Da capo della Squadra Mobile ha seguito in prima persona importanti inchieste. A cominciare da quella per il rapimento dell’allevatore Titti Pinna, conclusasi a Sedilo, dov’era imprigionato. E ancora le delicate indagini sulla faida di Busachi e l’inchiesta sul traffico internazionale di droga Freccia Rossa.  Significativi successi professionali che gli sono valsi diversi riconoscimenti.

Negli anni scorsi, quindi  la promozione a  primo dirigente e da ultimo l’impegno nella divisione anticrimine.

In questi anni Pino Scrivo a Oristano si è fatto apprezzare per le sue capacità professionali, ma anche per le sue doti umane.

A lui vanno gli auguri della nostra redazione per il nuovo importante incarico.

Sabato, 27 novembre 2021

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.