Pistola giocattolo per una rapina, fuggono quando la vittima reagisce
Due giovani in scooter inseguiti e arrestati dai carabinieri

In due su uno scooter, con passamontagna e casco, e in mano una pistola: così due giovani l’altra notte a Quartucciu hanno tentato di rapinare una donna che tornava a casa. Ma anziché consegnare la borsa con i soldi, la vittima ha incominciato a urlare, richiamando l’attenzione di un vicino e subito dopo avvertendo i carabinieri con una telefonata al 112.

I due mancati rapinatori sono fuggiti ma una delle pattuglie del Pronto intervento li ha intercettati e raggiunti poco dopo. Uno dei due giovani è stato bloccato subito, l’altro ha provato a fuggire nelle campagne circostanti, ma non è andato lontano: manette anche per lui.

I carabinieri hanno recuperato l’arma con cui era stata minacciata la donna: è una pistola giocattolo, priva del tappo rosso, che riproduce il modello in dotazione alle forze di polizia.

Ora I.S., 20 anni, di Monserrato, e G.M.A., 32 annni, di Cagliari, entrambi con precedenti di polizia, sono in cella a Uta. Dovranno rispondere di rapina aggravata e resistenza a pubblico ufficiale.

Lunedì, 15 marzo 2021

L'articolo Pistola giocattolo per una rapina, fuggono quando la vittima reagisce sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.