Luca Pisano, Direttore Master in Criminologia IFOS E Osservatorio Cybercrime Sardegna a Radio CASTEDDU: il video della rissa avvenuta a Is Mirrionis è finito su Telegram ed è già stato visualizzato 15 mila volte. “Non sono episodi sporadici ma avvengono costantemente da 5 anni”. Due episodi in pochi giorni tra i giovanissimi cagliaritani ma “questa moda non è mai passata, queste problematiche ci sono da diversi anni. Questi ragazzi hanno tra i 13 e i 17 anni  alcuni sono di Cagliari e altri dell’hinterland; arrivano in bus oppure vengono anche accompagnati dai genitori in auto. Queste cose le so perché io il sabato lo trascorro al porto per osservare le dinamiche di questi ragazzi, è da mesi che lo faccio: arrivano con buste di plastica in cui all’interno hanno bottiglie di vodka con succo di frutta e bicchieri di plastica, è un vero e proprio kit che secondo la nostra rete di genitori digitali è preparato da qualcuno della zona. Un preparato per sballarsi, insomma, arrivano organizzarti, si assembrano sotto i portici della stazione marittima senza mascherina soprattutto il venerdì e il sabato e urlano, si spingono, si dicono parolacce, bestemmiano intanto che bevono.Le ragazzine sostengono questo  tipo di socializzazione, a mio giudizio poco evoluta, arrivano sino ad una piccola rissa tra di loro, si buttano anche in terra e sono comportamenti tipici dei bambini manifestati però da adolescenti intossicati da alcol e droga.È una situazione che non credo che i genitori conoscano, non sanno quello che i ragazzini fanno.Esistono centinaia  di filmati e finalmente l’autorità portuale ha preso posizione perché non è la prima volta che si picchiano al porto.Le forze dell’ordine non intervengono prima di 45 minuti: anche poco tempo fa è accaduto un fatto molto grave, proprio di fronte alla caserma dei Vigili del Fuoco: 50 ragazzini contro uno, che è rimasto a terra ferito.Soprattutto il sabato, non mancano episodi di danneggiamento, entrano dentro le barche dei privati, spesso e volentieri, sotto effetto di droga e alcol con il rischio di cadere in acqua.Le istituzioni devono fare qualcosa per i giovani altrimenti la situazione potrebbe precipitare. Serve un progetto per i ragazzini, non solo di Cagliari ma di tutto l’hinterland,  da parte della città metropolitana, si vuole far passare che è un fenomeno occasionale ma non è così”.Risentite qui l’intervista a Luca Pisano del direttore Jacopo Norfohttps://www.facebook.com/castedduonline/videos/1851688084991728/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.