“Piazza Martiri, siamo sicuri sia sufficiente una piccola targa per ricordare Mario Lussu?”

Caro direttore,

Bene ha fatto la consigliera comunale Antonella Scarfò a rivendicare a voce alta la necessità civica del decoro urbano. Alla conservazione dei centri storici  è legata anche la sopravvivenza della memoria storica dei luoghi. E qui si tratta di Cagliari, che in altri tempi è stata anche capitale del regno di Sardegna. Il problema  è che però, in assenza di spiegazioni che aiutino il ricordo e la conoscenza, si stanno di fatto aprendo le porte alla distruzione. Non Le sembri esagerato: qualche anno fa, nella nostra decennale lotta al rumore e al degrado urbano, segnalammo il danneggiamento dei riccioli barocchi di pietra alla base della scalinata di santa Teresa Riccioli che facevano coppia con quelli della breve scalinata del vicino Auditorium dove, di fronte all’ingresso, stazionò per un po’ anche una rete metallica: una branda per intenderci, collocata lì da coloro che la notte volevano “viverla” a Cagliari con logiche totalmente estranee alla fruizione civile e culturale. Il Comitato denunciò subito quell’uso improprio dei luoghi del centro storico che, oltre che disturbare  la quiete e il sonno dei residenti, risuonava offesa al decoro e che  si temeva sarebbe  sicuramente degenerato in atti vandalici, che difatti ci furono. Chi vuole rinfrescarsi la memoria si legga le cronache di quegli anni. 

Oggi però  sappiamo che non bisogna solo contrastare le degenerazioni ma bisogna andare in direzione opposta: riconoscere e valorizzare i luoghi della storia. 

Il valore di quei luoghi esige rispetto e invito alla meditazione e non l’indifferenza diurna e  il rozzo baccano notturno  in cui molti di essi  sono stati lasciati precipitare  dalla trascuratezza di chi dovrebbe sforzarsi di portarli in ogni modo alla pubblica attenzione. Non Le pare, signor direttore, che sia giunto il momento di ricordare in maniera più incisiva fatti importanti per la collettività e personaggi storici che in città hanno vissuto, studiato e lavorato per indicare alle nuove generazioni  le idee fondanti della cultura sarda alle quali la mia generazione ha creduto col solo studio appassionato di innumerevoli libri?

Il caso di Emilio Lussu, valoroso in guerra e tenace costruttore del movimento sardista teso al riscatto dell’arretratezza della Sardegna nel I° dopoguerra, mi viene in mente ogni volta che passo sotto le finestre  al I° piano del palazzo di piazza Martiri  dove, giovane avvocato, ebbe casa e studio negli anni Venti. E dove abitò sino a quando da quelle stesse finestre dovette difendersi da solo dall’assalto dei fascisti, diventando esempio per i democratici di molte nazioni europee. 

Ma oggi siamo sicuri che sia  davvero sufficiente una  piccola targa   per tenere desta la memoria di un passato tanto  importante e non sia invece possibile fare altro per difendere il valore esemplare di quel  luogo?

Maria Laura Ferru, Comitato Rumore no grazie 

L'articolo “Piazza Martiri, siamo sicuri sia sufficiente una piccola targa per ricordare Mario Lussu?” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie