“La mamma degli incivili è sempre incinta”. È furioso il sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu. Il primo cittadino ha pubblicato su Facebook le foto delle nuove fioriere installate in via Alghero “imbrattate e senza le piante che avete rubato”. Un gesto inqualificabile, per il primo cittadino: “E non è tanto per la spesa che dovremo affrontare per sistemare le nuove piante, anche se il fatto di spendere qualche centinaio di euro mi secca non poco. Ciò che mi fa imbestialire è che in fin dei conti non vi frega niente della vostra città. Come se non vi appartenesse. Come se fosse un bene usa e getta, cinque minuti e poi via. Come per la spazzatura o i muri pasticciati. Il principio in fondo è lo stesso. Che problema c’è se la butto per terra o se li imbratto? Tanto non è il pavimento o il muro di casa mia. Tanto sarà qualcun altro a pulire.
Invece è esattamente il contrario. Perché quelle piante sono vostre, e sono lì per rendere più gradevoli le vostre passeggiate. Perché quel pavimento o quel muro sono i vostri, e tenerli puliti aiuta tutti a vivere meglio. E se è vero che la pulizia la farà qualcun altro, è altrettanto vero che sarete voi a doverla pagare”, così Truzzu.
“Non so voi, ma io trovo veramente stupido dover pagare qualcuno per fare ciò che di solito si fa gratis. Ragionate, proviamo a impegnarci un po’ di più e a rispettare ciò che è di tutti. Così magari le risorse risparmiate le usiamo per migliorare la città e aiutare chi davvero ha bisogno”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.