Non si fermano in Sardegna le azioni di contrasto alla Peste suina africana. Nel corso delle operazioni di ricerca, cattura e depopolamento di suini bradi illegali disposte ieri dall’Unità di Progetto nelle campagne di Desulo, sono stati abbattuti 41 suini non registrati all’anagrafe zootecnica e privi di proprietario e controlli sanitari. Proprio a Desulo, nel gennaio 2019, era stato registrato l’ultimo suino brado illegale positivo al virus.

L’allevamento illegale dei suini resta uno dei fattori di rischio più importanti per la permanenza del virus della Psa nei territori. Come hanno sottolineato anche gli Ispettori europei nel recente Audit che si è svolto nell’Isola nel novembre scorso, questi animali costituiscono la vera cinghia di trasmissione del virus tra la popolazione selvatica e gli animali domestici. Gli Ispettori di Bruxelles hanno riconosciuto che le attività svolte in questi anni hanno ridotto drasticamente il numero di questi animali e quindi la circolazione del virus, e comunque hanno ribadito come sia necessario completare le azioni sul territorio.

L’appello di Regione e Unità di Progetto è ancora una volta rivolto a quei pochi che rifiutano di mettersi in regola, soprattutto in zone come Desulo, dove l’eradicazione del virus potrebbe costituire un volano straordinario per il rilancio del comparto, in particolare della salumeria di qualità.

L'articolo Peste suina, intervento a Desulo: abbattuti 41 maiali allo stato brado proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.