Per mezzo secolo si è dato da fare col suo gregge di pecore nelle campagne sarde, a Masullas e a Pompu, Tigellio Piras, 67 anni. Qualche mese fa è riuscito, anche abbastanza miracolosamente visto il periodo di crisi, a vendere tutti gli animali e ad andare, comunque prima del tempo, in pensione: “Ho smesso, non ce la facevo più. Lavoravo da solo e i rincari non mi hanno permesso di badare al bestiame. Mi sarei dovuto tagliare le vene per continuare a pagare l’energia, il concime e il gasolio”, racconta. Ha deciso di manifestare anche lui in piazza a Cagliari, anche se ora la sua vita è ben distante dalle campagne, almeno a livello lavorativo: “Il latte ora ce lo pagano un euro al litro, ma con tutti questi rincari siamo sempre nella stessa situazione”. La coperta rimane corta, insomma: se da un lato chi acquista il latte lo paga a un allevatore un euro tondo, lo stesso allevatore non guadagna perchè è strozzato dalle troppe spese.“Ora faccio il pensionato, vivo con 600 euro al mese insieme a mia moglie. I miei figli stanno lavorando ma sono andati fuori, non hanno voluto fare il mio mestiere perchè hanno visto come me la sono passata io”, racconta l’allevatore. Cioè, decisamente male, soprattutto negli ultimi anni:. “Con chi me la prendo? Al Governo son 30 anni che non scegliamo nessuno. Ce l’ho comunque con chi ci governa a livello provinciale, regionale e statale”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.