Una delle mille facce della crisi legata al Covid? L’assenza, sino a poche settimane fa, di ricoveri standard in vari ospedali sardi. Tra quelli che erano diventati quasi cento per cento Covid anche il Santissima Annunziata e le cliniche di San Pietro, a Sassari. Risultato? Gli addetti alla preparazione dei pasti delle aziende di ristorazione un anno in cassa integrazione. A raccontare le grosse difficoltà vissute è Mariella Puggioni. Cinquantanove anni, lavoratrice e delegata sindacale, opera alla Camst, una delle più grandi realtà specializzate nei rifornimenti di pasti anche per gli ospedali: “Un crollo di pasti preparati, siamo passati da mille ad appena quattrocento sin dall’inizio della pandemia. Non c’erano più ricoveri standard, gli interventi sono stati bloccati o rimandati e la scelta di ricoverare solo pazienti positivi al Coronavirus ha portato me e tanti miei colleghi a vivere un anno senza lo stipendio intero”, ma solo con la cassa integrazione.Il peggio, ora, sembra essere passato, ma le “ferite” sono ancora ben visibili: “Purtroppo, o c’è poco o c’è molto lavoro. Bisogna essere puntuali e consegnare i pasti ad una determinata ora, è pesante. Domani sarò al bastione di Saint Remy a Cagliari per protestare e chiedere aiuti concreti anche per il nostro settore”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.