3 anni da omicidio 18enne. Videochiamata madre,'grazie di cuore'

(ANSA) - MACERATA, 30 GEN - L'Amministrazione comunale di Macerata ha scoperto stamattina ai Giardini Diaz una targa in ricordo di Pamela Mastropietro, la 18enne romana uccisa e fatta a pezzi da un pusher nigeriano, Innocent Oseghale, condannato poi all'ergastolo confermato in appello. La cerimonia cade dunque nel terzo anniversario dalla morte della giovane, avvenuta il 30 gennaio 2018. "La tua giovinezza, spezzata in terra - si legge sulla targa - rimanga ora leggera nel cielo. Il tuo ricordo ci proietti oltre la sofferenza, nella bellezza dei fiori che ti omaggiano. La città di Macerata ti ricorda con affetto e con te grida: 'Mai più'.

Presenti il sindaco Sandro Parcaroli, il vice sindaco Francesca D'Alessandro, gli assessori, il vescovo. mons.

Nazzareno Marconi, il prefetto Flavio Ferdani e tutte le autorità. Collegati, in videochiamata da Roma, i familiari di Pamela Mastropietro che hanno condiviso l'iniziativa del Comune.

La mamma di Pamela, Alessandra Verni, 'da remoto' a ringraziato tutti i presenti per "iniziative come queste che ricordano nostra figlia. A causa del divieto di spostamento tra regioni non potevamo essere presenti a Macerata - ha ricordato - ma siamo molto legati a questa città e speriamo di tornare lì il prima possibile. Grazie di cuore". (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.