Violentata e costretta a sposare uno dei sequestratori

(ANSA) - ISLAMABAD, 27 NOV - Ancora un altro caso di conversione forzata all'islam in Pakistan, dove una ragazza cristiana di 16 anni è stata rapita, violentata, fatta convertire con la forza e poi data in sposa a uno dei suoi rapitori nella provincia del Punjab orientale.

La vicenda è avvenuta nel distretto di Faisalabad il 28 settembre, quando la giovane è stata rapita da casa sua. La ragazza ha denunciato alla polizia di essere stata portata in una casa dove tre uomini l'hanno violentata per due giorni.

Successivamente, è stata portata in una madrasa per la conversione e poi in un tribunale locale dove ha firmato il contratto matrimoniale con uno dei rapitori. "Hanno minacciato di uccidere me e la mia famiglia, quindi ho firmato il contratto di matrimonio sotto pressione", ha detto. All'inizio di questa settimana, è riuscita a fuggire e ha chiesto alla polizia di agire contro i suoi rapitori. Ma Baba Intizar Gill, leader della comunità cristiana che si occupa del caso della giovane, spiega per telefono all'ANSA che "dopo 72 ore la polizia non ha ancora registrato la denuncia contro i rapitori".

All'inizio di questo mese, la polizia, su ordine del tribunale, ha salvato una ragazza cristiana di 13 anni nella città meridionale di Karachi, che sarebbe stata costretta a convertirsi all'islam e poi fatta sposare con un musulmano di 44 anni. Attualmente si trova in una casa di accoglienza, poiché si è rifiutata di andare con i suoi genitori. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.