(ANSA) - QUARTUCCIU, 21 GIU - Il verde come supporto e integrazione delle cure tradizionali nel trattamento delle disabilità intellettive. E non solo. Si chiama Ortoterapia. E chi la conosce e la utilizza, ad esempio i promotori del progetto "La cura dell'Orto che Cura", ora chiede che diventi terapia ufficialmente riconosciuta. Una proposta che ha trovato subito sponda nell'Associazione nazionale famiglie di persone con disabilità intellettiva e relazionale (Anffas).
    "Principi di inclusione, autodeterminazione, centralità della persona e integrazione sono da anni alla base del nostro operato - spiega Eleonora Salis dell'Anffas - Per realizzare questi obiettivi è necessario che ci apriamo alla collettività, al territorio, affinché sia chiaro a tutti che questi progetti sono di fondamentale importanza per la cura dei nostri ospiti e di chiunque si trovi in condizioni di difficoltà". Otto mesi di sperimentazione a Quartucciu. "Abbiamo riscontrato un notevole miglioramento della collaborazione tra i partecipanti al laboratorio - sottolinea l'ideatrice del progetto Paola Cannas - ogni persona ha potuto cooperare alla realizzazione di un prodotto finito con grande soddisfazione personale.
    L'integrazione dei partecipanti con il personale dell'azienda agricola ha dato loro la possibilità di sperimentarsi in un ruolo lavorativo adulto e le relazioni che si sono create hanno favorito l'instaurarsi di un clima sereno e armonioso a prescindere dai compiti assegnati". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Fonte: Ansa Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.