Orrore in Sardegna, ancora una storia bruttissima di violenza sugli animali. Stavolta la denuncia choc arriva da Olbia, dai volontari della sezione cittadina della Lida, capitanati da Cosetta Prontu. Nella pagina Facebook dell’associazione è stato pubblicato un racconto, con a corredo alcune foto, che lasciano senza parole: “Orrore a Pittulongo, anzichè soccorrere un micio investito, hanno cercato di finirlo a colpi di pietra”. L’animale “è stato investito a Pittulongo, vicino al Pellicano. L’autista di una Clio nera vecchio modello, si è fermato, ha controllato le condizioni del gatto e vedendo che era ancora vivo ha preso una grossa pietra e gliel’ha spaccata in più parti sul cranio. Qui da noi si usa così, perchè si è sempre fatto così e l’evoluzione della specie non è contemplata”, denunciano gli animalisti. “In questo momento è ricoverato in clinica in prognosi riservata per le prossime 48 ore. È stato stabilizzato e messo sotto terapie per trauma cranico. Lo abbiamo chiamato Stefano, è un micio intero, libero. Siamo agghiacciati, ogni parola o pensiero in più sarebbe superfluo. Grazie a chi lo aiuterà”. Nella pagina Facebook della Lida Olbia è possibile trovare gli estremi per le donazioni utili a pagare le cure mediche del gatto. 

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.