“Sono stati impiccati da poco, noi ci troviamo sul posto per il recupero e l’eventuale identificazione. Due meravigliosi Amstaff, la femmina era incinta”. La notizia nella pagina Facebook della Lida di Olbia, il video è stato realizzato dalla presidentessa Cosetta Prontu, da decenni in prima linea nella difesa di cani e gatti. “Ci troviamo ad Olbia Mare, se qualcuno sa di chi sono vi preghiamo di contattarci con urgenza. Non vogliamo aggiungere nulla a questa tragedia, daremmo sfogo ad un oceano in piena. Chiediamo solo a chi ne ha l’autorità, di dedicare maggiore impegno e risorse al fenomeno del randagismo e degli animali vaganti sul nostro territorio. I punti chiave sono massicce campagne di sterilizzazione dei cani di proprietà e sensibilizzazione al rispetto di tutti gli animali, perché solo con una mirata ed esaustiva informazione potremo anche noi un giorno, raggiungere lo stesso grado di civiltà di chi ha da tempo realizzato che non è necessario amare un animale per rispettarne la vita”.
“Questi cani tra l’altro non erano randagi, sicuramente avevano un proprietario, purtroppo troppo spesso vediamo questa razza in mano ad incompetenti e persone senza scrupoli. Cani che vengono ceduti senza chip, l’importante è disfarsene per poche centinaia di euro. A chi affidate i vostri cani?”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.