Una tragedia che ha origine nelle cattive condizioni di salute dei coniugi

QUARTUCCIU. Un breve scritto per chiedere perdono e spiegare il suo gesto ai suoi tre figli: lo ha lasciato Antonino Pisu, 84 anni, che ieri ha ucciso con una fucilata la moglie Giuseppina Picciau (81 anni) e poi si è tolto la vita usando la stessa la stessa arma. I carabinieri della compagnia di Quartu, diretti dal maggiore Valerio Cadeddu, e quelle del Ris del comando provinciale di Cagliari, hanno trovato il manoscritto in un mobile dell’abitazione, e hanno avuto così conferma di quanto già sembrava abbastanza evidente. L’anziano ha sparato alla moglie e poi si è suicidato.

Una tragedia che ha origine nelle cattive condizioni di salute di entrambi: lui con un tumore al colon sembra abbia avuto recentemente una recidiva, lei affetta da una grave patologia neurovegetativa di demenza senile e non più autosufficiente. Ipotizzando che per lui la vita stesse volgendo a termine, l’anziano non ha voluto lasciare l’amata moglie in quelle inumane condizioni e ha scelto di andarsene insieme dalla vita che li aveva visti felici per oltre 50 anni. Il magistrato che si occupa del caso, il pm Andrea Vacca, ha dato mandato al medico legale Roberto Demontis di effettuare l’autopsia, che sarà eseguita lunedì nel policlinico di Monserrato. Ma il caso è considerato giudiziariamente già chiuso. (luciano onnis)

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.